È GESÙ CRISTO DIO PADRE, IL FIGLIO, E LO SPIRITO SANTO? N°20


Questo'insegnamento è la 20ª parte di una serie di ventisette volumi. Per beneficiarne totalmente, dovete leggere le altre parti.


SINTESI DELLE RICERCHE 3ª Parte


Gli argomenti dei demoni


Vi rivela sotto alcuni argomenti che questi serpenti danno per sostenere la loro follia:


Primo argomento


"Esistenza del Figlio (Figlio nel Pensiero di Dio). Ricordiamo innanzitutto che è detto in Romani 4:17 'Come sta scritto: Io ti ho costituito padre di molte nazioni, è padre di tutti noi davanti a Dio a cui egli credette, il quale fa vivere i morti e chiama le cose che non sono come se fossero."


Sono trascorso molti minuti a chiedermi in che modo questo versetto serviva la causa di questi demoni, e non ho trovato nessuna risposta. Ho cercato il rapporto che poteva esistere tra questi versetti di Romani 4:17 e lo studio che stiamo facendo, e non ho trovato niente. Poiché non si è trovato niente, ho lanciato un appello a voi tutti che leggerete quest'insegnamento, ad aiutarmi a comprendere in che modo questo versetto rispondeva alla nostra domanda. È così che avevo formulato la prima versione di quest'insegnamento.


L'indomani, mentre meditavo su questo studio e rileggevo quest'insegnamento, è là che il Signore mi ha rivelato l'inganno di questi figli del maligno nascosto dietro la loro utilizzazione di Romani 4:17. Questo mi ha permesso di annullare l'appello che vi avevo lanciato, per darvi piuttosto il segreto di questi demoni. Ecco in realtà ciò che vogliono dire.


Poiché sanno che non troveranno mai nella Santa Bibbia un solo versetto o un solo passo per giustificare la loro menzogna e la loro bestemmia, vogliono trovare in questo versetto, un argomento per accusare Dio e trovarLo poco credibile. Da allora, la parte che hanno sottolineata nel versetto è quella che sembra di essere il loro carta Jolly, cioè l'ultimo elemento in cui potranno chiudersi per non riconoscersi sconfitti.


Ecco la parte sottolineata nel versetto: "... e chiama le cose che non sono come se fossero." In effetti, vogliono accusare Dio di menzogna e di mancanza di coerenza. Vogliono dimostrare che Dio si contraddica. Ecco allora l'inganno dei demoni nascosto dietro la loro utilizzazione di questo versetto in questo contesto. Stanno ricordandoci che Dio chiama le cose che non sono come se fossero, un modo di dirci che Dio è un ragazzino che dice delle cose che non hanno alcun senso, e che racconta anche storie che non esistono.


Conclusione, non dobbiamo cadere nella trappola di credere senza discernimento a tutto ciò che Dio dice, perché inventa nei Suoi fantasmi, delle cose che non esistono affatto. Dobbiamo sempre sapere che Dio a tratti perde la testa, e lascia scappare dalla Sua bocca alcune parole incontrollate. Attraverso tutto ciò, questi demoni stanno dicendoci che Gesù parla di Suo Padre come se fosse, mentre non è affatto. Gesù sta dunque chiamando le cose che non sono affatto come se fossero, sta parlando di Suo Padre e del Suo Dio come se Egli fosse, mentre non è affatto.


Ecco dunque l'inganno dei demoni minuziosamente analizzato e messo a nudo. Ecco ciò che è nascosto dietro la loro utilizzazione del versetto di Romani 4:17. Ecco fin dove possono andare i serpenti per provocare l'ira di Dio. Ecco di cosa questi figli della perdizione sono capaci. E finché non avete abbastanza discernimento, potete facilmente cadere nella loro trappola.


Per questi agenti dell'Inferno, ogni volta che vi dicono una cosa che non trovate da nessuna parte nella Bibbia, sappiate semplicemente che questa cosa fa parte delle cose che Dio avrebbe dimenticato di dire. Ed ogni volta che una cosa è chiaramente scritta nella Bibbia ma che non vogliono accettarlo, dovete capire che questa cosa fa parte delle cose che Dio ha chiamate come se fossero, mentre non sono affatto. Ed ogni volta che fanno una dichiarazione incoerente, sappiate semplicemente che è Dio che è incoerente. Alleluia!


Ecco fin dove i figli del diavolo spingono la bestemmia. Sì, è con una grande disinvoltura ed una grande facilità che questi serpenti insultano Dio e suscitano la Sua ira. Coloro che li seguono, o che li approvano, o che si associano a loro, apertamente o di nascosto, devono sapere bene ciò che li aspetta nei prossimi giorni. Nessuno di loro sfuggirà alla grande ira di Dio, e nessuno di loro potrà sottrarsi al furore ed al giudizio di Dio.


Continuiamo con l'esame di questo primo argomento. Ci sono nelle loro parole, un altro elemento che richiama la nostra attenzione. Questi figli del maligno ci parlano dell'Esistenza del Figlio nel Pensiero di Dio.


Apparentement, questi demoni hanno anche la capacità di leggere il pensiero di Dio. Ciò che Dio non ha detto, ma avrebbe appena "pensato", questi demoni hanno avuto la possibilità di saperlo. È per ciò che possono "rivelarci" l'Esistenza del Figlio nel Pensiero di Dio. Comprendete allora, che non sono affatto persone qualunque, per usare questo linguaggio corrente. Sono più intelligenti e più saggi di Dio.


Secondo argomento


Ecco un altro passo dei loro argomenti: "Ebrei 6:13 Se (Gesù in quanto Figlio è il Dio dell'Antico Testamento l'Eterno, perché non ha giurato nel nome di suo Padre che è più grande di lui secondo Giovanni 14:28???)"


Adesso, lasciatemi dimostrarvi a che punto questi demoni sono sfacciati. Queste cose dice Ebrei 6:13 "Quando Dio infatti fece la promessa ad Abrahamo, siccome non poteva giurare per nessuno maggiore, giurò per se stesso." Ed ecco ciò che dice: Giovanni 14:28 "Avete udito che vi ho detto: "Io me ne vado e tornerò a voi". Se voi mi amaste, vi rallegrereste perché ho detto: "Io vado al Padre" poiché il Padre è piú grande di me."


Osservate bene la reazione di questi stregoni. Confrontano i due versetti, ed ecco le domande che pongono a Dio che è l'unico autore di questi due versetti. "Gesù, se tuo padre esiste veramente, e se è realmente più grande di te come lo pretendi e come sembri di affermarlo in Giovanni 14:28, perché non hai giurato per lui secondo Ebrei 6:13? Non vedi, Gesù, che sei in contraddizione con te stesso? Non vedi che sei veramente incoerente ed inconsistente nelle tue parole? Non abbiamo ragione di dire a quanti vogliono ascoltarlo, che cosa non hai padre? Se puoi essere così poco coerente, come vuoi che prendiamo ancora le tue parole sul serio? Benché abbia dichiarato a più riprese di avere un padre, abbiamo buone ragioni di dubitarne."


Ecco amati, alcuni delle domande, che questi demoni che sono certamente più grandi e più forti di Dio, pongono al Signore. Quando li sentite porre delle tali domande, sarebbe un errore pensare che è a noi che le pongono. Non siamo il loro bersaglio, poiché sanno molto bene che non abbiamo scritto né il versetto di Ebrei 6:13, né quello di Giovanni 14:28, né nessun altro versetto della Bibbia. È dunque a Dio che pongono le loro domande. E guai a Dio se non risponde loro. Lo spirito che parla in loro, è lo stesso che parlava nei loro colleghi demoni in Matteo 27:40 "Tu che distruggi il tempio e in tre giorni lo ricostruisci, salva te stesso, se tu sei Figlio di Dio, e scendi giù dalla croce!"


Non dobbiamo fare altro al nostro livello che ritornarli da Dio affinché gli pongano direttamente le loro domande, senza passare da noi. Non siamo i collettori delle domande per Dio. Dio non ci ha affidato il compito o incaricato di raccogliere per Lui le domande che i demoni hanno a porGli. Ed i demoni da parte loro non ci pagano per un tale servizio. Chiediamo loro dunque di andare a porre direttamente le loro domande a chi di dovere.


Cari demoni, andate a porre direttamente le vostre domande a Dio. Poiché siete più grandi di Lui, poiché siete più forti di Lui, e poiché eravate là il giorno in cui creava i Cieli e la terra, e poiché forse L'avete anche aiutato a creare tutto ciò che ha creato, deve certamente essere obbligato a rispondervi. Ha altre alternative?


Amati, questo spirito che è dietro questo affronto fatto a Dio, è lo stesso spirito che un giorno, dopo che avevamo letto il passo di Atti 7:55-56, che dice "Ma Stefano, pieno di Spirito Santo, fissati gli occhi al cielo, vide la gloria di Dio e Gesù che stava alla sua destra, e disse: Ecco, io vedo i cieli aperti, e il Figlio dell' uomo in piedi alla destra di Dio." Ci aveva chiesto con un tono grave ed abbastanza beffardo come un Dio può avere una destra.


"Un Dio con una destra?" aveva esclamato. "Come potete osare dire delle cose simili?" aveva scandito. Purtroppo è sempre a noi, poveri Bambini di Dio, che questi spiriti vengono a porre domande destinate a Dio. Siamo Dio? O siamo capaci di rispondere a tali domande al posto di Dio?


Ecco il genere di domande che questi spiriti furbi pongono a Dio. Per loro, Dio è così tanto ignorante che Egli dice cose che non hanno alcun senso. "Come un Dio che si credeva intelligente può dire delle tali sciocchezze. Come il vostro Dio può dire che ha una destra? E purtroppo credete anche voi a questo genere di stupidaggini. Anche se il vostro Dio dice ogni tanto cretinate e dice delle enormità, almeno voi dovreste essere in grado di ricondurLo alla ragione." Ecco il consiglio che questi serpenti ci danno.


Ma trattenete tuttavia che c'è un elemento importante nascosto dietro queste domande spudorate che questi figli della perdizione pongono a Dio. Essendo completamente smarriti, cercano disperatamente alcuni veri passi per sostenere la loro bestemmia, ma non ne trovano, e non ne troveranno nessuno. È là un'altra prova della grandezza di Dio. Dio supera i demoni, anche se questi ultimi non amano mai ammetterlo.


Terzo argomento


Ecco una conclusione che questi demoni fanno: "La parola figlio è derivata da generare cioè qualcuno che ha un principio ora non si può parlare di 'Figlio eterno' perché il figlio ha un principio ma l'eternità non ha né principio né fine."


Come lo constatate, questi demoni sono molto più saggi e più intelligenti di Dio, e tengono a dimostrarlo. Non dimenticate soprattutto che i demoni sanno che non hanno più niente da perdere. È per ciò che si burlano liberamente di Dio, è per ciò che non hanno paura di affrontare Dio e di contraddirLo.


Vi ho già detto che i demoni sono in guerra con Dio, e hanno soltanto una sola missione, quella di combattere Dio con determinazione, di contraddirLo, e di provare ad imbarazzarLo. Lasciatemi darvene un'altra prova. Dio Stesso vi dice:


Salmi 2:7 "Dichiarerò il decreto dell'Eterno. Egli mi ha detto: "Tu sei mio figlio oggi io ti ho generato."


Ebrei 1:5 "Infatti, a quale degli angeli disse mai: Tu sei mio Figlio, oggi ti ho generato? E di nuovo: Io gli sarò Padre, ed egli mi sarà Figlio?"


Ebrei 5:4-5 "E nessuno si prende da se stesso questo onore, ma lo riceve colui che è chiamato da Dio, come Aaronne. 5 Cosí anche Cristo non si prese da sé la gloria di diventare sommo sacerdote, ma la ricevette da colui che gli disse: Tu sei mio Figlio, oggi io ti ho generato,"


1Giovanni 5:1 "Chiunque crede che Gesú è il Cristo, è nato da Dio; e chiunque ama colui che lo ha generato, ama anche chi è stato generato da lui."


Atti 13:33 "Dicendovi, che Dio l'ha adempiuta per noi, loro figli, avendo risuscitato Gesú come anche è scritto nel secondo salmo: Tu sei il mio Figlio. oggi ti ho generato."


Apocalisse 3:14 "E all'angelo della chiesa in Laodicea scrivi: queste cose dice l'Amen, il Testimone fedele e verace, il Principio della creazione di Dio."


Da questi versetti che avete appena letti, Dio Stesso vi dice che Gesù Cristo è Suo Figlio che ha generato. Ciò non vale per i demoni, se ne infischiano e chiedono a Dio come un figlio eterno può essere generato. Trovano così Dio talmente ignorante e talmente incoerente nelle sue parole. Da un lato Dio dice che suo figlio è eterno, dall'altro dice che ha generato quel figlio. Quale incoerenza! Che disordine! Ecco le parole degli anticristi.


Ciò che ci rivolta, sempre rispetto a questi demoni, è la loro grande cattiveria. Poiché sanno che sono persi, si adoperano al massimo e compiono ogni possibile sforzo per perdere gli altri. Tendono delle trappole agli ingenui per sedurli e guadagnarli con le false dottrine. Stanno ogni giorno distogliendo deliberatamente e consapevolmente le persone dalla dottrina del Signore. Fanno finta di essere ingenui, fanno gli innocenti, e distolgono subdolamente molti di quelli che vogliono seguire il Signore nella verità.


Ma quest'insegnamento che abbiamo appena fatto, porrà fine all'inganno di questi demoni, una volta per tutte. L'insegnamento è ora così tanto chiaro che ci sono soltanto altri demoni per seguire questi serpenti. Nessun vero bambino di Dio, dopo tutta questa dimostrazione che abbiamo appena fatta nel nome di Gesù Cristo il Figlio unico del Padre, potrà più cadere nella trappola di questi agenti dell'Inferno. Ci sono soltanto i loro colleghi demoni che potranno seguirli da questo momento in poi. Che il Signore sia lodato!


Quarto argomento


Ecco ancora un altro argomento di questi demoni. Dicono che "Gesù Cristo parlava del Padre in similitudini." Citano a questo proposito i versetti di Giovanni 16:25-27. Leggiamo questo versetto:


Giovanni 16:25-27 "Vi ho detto queste cose in similitudini, ma l'ora viene in cui non vi parlerò piú in similitudini, ma vi parlerò del Padre apertamente. 26 In quel giorno chiederete nel mio nome; e non vi dico che io pregherò il Padre per voi; 27 il Padre stesso infatti vi ama, poiché voi mi avete amato e avete creduto che io sono proceduto da Dio."


Ecco il passo su cui i demoni vogliono aggrapparsi per giustificare perché non hanno alcun versetto per sostenere la loro bestemmia. Vogliono insinuare che se Gesù non ha mai detto che è Dio Padre e lo Spirito Santo, è perché parlava in similitudini.


Amati, queste persone sono nella confusione totale. Esaminiamo questa parola di Gesù al versetto 25, e la reazione dei Discepoli al versetto 29. "I suoi discepoli gli dissero: Ecco, adesso tu parli apertamente, e non usi similitudini."


Primo: I discepoli loro stessi ci fanno capire che le parole in similitudini di cui parla Gesù al versetto 25, non si riferiva a ciò che Gesù aveva appena detto loro. Il Signore ha parlato loro apertamente, e hanno compreso molto bene ciò che il Signore diceva loro. I discepoli non hanno dunque mai avuto il minimo dubbio sulla persona del Padre di Gesù.


Secondo: Sappiamo che anche quando il Signore parlava in similitudini, era quando si rivolgeva alla folla. Ma dinanzi ai Suoi discepoli, parlava liberamente, come lo confermano i versetti sotto, che vi provano peraltro che questo altro argomento dei demoni è balordo e non regge.


Matteo 13:10-11 "Allora i discepoli, accostatisi, gli dissero: Perché parli loro in parabole? 11 Ed egli, rispondendo, disse loro: Perché a voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato."


Marco 4:10-11 "Ora, quando egli fu solo, coloro che gli stavano attorno con i dodici lo interrogarono sulla parabola. 11 Ed egli disse loro: A voi è dato di conoscere il mistero del regno di Dio; ma a coloro che sono di fuori tutte queste cose si propongono in parabole."


Marco 4:33-34 "E con molte parabole di questo genere annunciava loro la parola, come essi erano in grado di capire. 34 E non parlava loro senza parabole; ma in privato ai suoi discepoli spiegava ogni cosa."


Terzo: Se secondo questi demoni Gesù "parlava del Padre in parabola", non parlava di Sé stesso in parabola. Parlando di Lui, ha chiaramente detto che era il Figlio di Dio. E per dirlo, non aveva usato nessuna parabola, né dinanzi ai Suoi discepoli, né dinanzi a quelli che Gli poneva delle domande su ciò. Questo vuol dire che se questi demoni non vogliono credere al Padre di Gesù Cristo perché Gesù parlava di Lui piuttosto in parabola, dovrebbero almeno credere che Gesù è il Figlio di Dio, perché per dirlo Gesù non ha mai usato parabole.


Quarto: Proviamo a dare ragione a questi demoni per qualche minuto. Supponiamo che Gesù Cristo parlasse del Padre in parabola, e che è per ciò che Egli non avrebbe mai detto che era Sé stesso Dio Padre e lo Spirito Santo.


Poniamo a questi figli del maligno questa semplice domanda. Se Gesù parlava del Padre in parabola, in cosa gli Apostoli e gli altri Discepoli hanno parlato del Padre? Gli Apostoli e gli altri Discepoli parlavano anche loro del Padre in parabola? Quando date una scorsa al Nuovo Testamento, constatate, come l'abbiamo fatto facendo le ricerche su questo argomento, che gli Apostoli e gli altri Discepoli hanno parlato del Padre di Gesù Cristo più di cinquecento volte. Stavano tutti, anche loro, ogni volta, parlando in parabola, secondo questi demoni. È proprio patetico!


Quinto: Non c'è soltanto Gesù che parlava del Padre. Dio Padre ha parlato di Suo Figlio, senza usare parabole. Gli Angeli di Dio hanno riconosciuto che Gesù Cristo era il Figlio di Dio, senza usare parabole. Satana sé stesso ha riconosciuto che Gesù Cristo è il Figlio di Dio, senza usare parabole. I demoni che tremavano davanti a Gesù, avevano riconosciuto tutti che Gesù Cristo era il Figlio di Dio, senza usare parabole. Nessuna di queste persone citate sopra non hanno confuso Gesù con Dio Padre o con lo Spirito Santo. Eppure non hanno usato parabole.


Comprendete quindi che anche se si potesse imitare questi demoni e dire che Gesù parlava del Padre in parabola, si sarebbe sempre incastrato, perché non c’è soltanto Gesù solo che ha parlato del Padre.


Quinto argomento


Questi demoni vi parlano anche della doppia natura di Gesù Cristo che era pienamente uomo e pienamente Dio, e trovano in ciò un mistero che sarebbe all'origine della loro bestemmia. In cosa Gesù Cristo pienamente Padre e Figlio sarebbe un mistero? Ciò che questi demoni sembrano di volere circondare di mistero, non è affatto un mistero. Gesù Cristo è nostro Padre celeste, ma Egli è il Figlio di Dio. Il Signore l'ha chiaramente rivelato nella Sua parola. Ha lasciato il Suo trono per venire in uomo in questo mondo a salvarci. È così complicato comprendere?


Lasciatemi condividere con voi alcune stupidaggini che queste persone ostentano. Vi dicono che in quanto Figlio dell'uomo Gesù Cristo era Profeta, citando Deuteronomio 18:15, Sommo sacerdote simile a noi, citando Ebrei 2:17, avvocato, modello, seduto alla destra di Dio in quanto Figlio di Dio... Dopo aver negato la destra di Dio sostenendo accanitamente che Dio non può avere una destra, si trovano, contro la loro volontà, obbligati a riconoscere che Dio ha proprio una destra, e che Gesù in quanto Figlio di Dio si è seduto alla destra di Dio.


Che contraddizione! È comunque peccato che anche la vergogna sia incapace di portare queste persone di satana a riprendersi. Di fronte alle contraddizioni così stupide ed infantili, e di fronte a queste incoerenze che gridano vendetta, queste persone dovevano appena pentirsi, e riconoscersi sconfitti. Ma ahimè! Si ostinano e si impantanano. Dobbiamo comprenderli. Se si pentono, chi sarà all'Inferno? Poiché occorre bene che ci siano delle persone all'Inferno.


L'Eterno vi benedica!






Sentitevi liberi di fare delle copie di questo articolo e di distribuirle.
Per scaricarlo, cliccate QUI o sull'icona Pdf di fronte.
PDF

Per leggere i file PDF dovete utilizzare Acrobat Reader.
Se non l'avete già potete scaricarlo gratuitamente
 Get Adobe Reader