È GESÙ CRISTO DIO PADRE, IL FIGLIO, E LO SPIRITO SANTO? N°27


Questo'insegnamento è la 27ª parte di una serie di ventisette volumi. Per beneficiarne totalmente, dovete leggere le altre parti.


SINTESI DELLE RICERCHE 10ª Parte


L'uomo è l'immagine di Dio (seguito)


Sono quasi certo che se mi tenessi davanti ai fratelli oggi e dicessi loro: "Guardatemi. Se mi vedete avete visto Dio", quasi tutti sarebbero scandalizzati. Direbbero certamente che ho perso la testa, o che ho lasciato l'orgoglio installarsi. Tuttavia beneamati, anche se non facciamo spesso delle tali dichiarazioni, farlo non sarebbe in nessun caso una bestemmia o un peccato. Siamo l'immagine di Dio. E se ci consideravamo come tale, allora ci sono atti che non porremmo mai. Ma dimentichiamo che siamo dei dei creati all'immagine di Dio, e cadiamo come ogni altro potente, e moriamo come gli uomini.


Se dicessimo dunque oggi a chiunque sia che se ci vede ha visto il Padre, non staremmo bestemmiando. Gesù Cristo il nostro Maestro è l'immagine di Dio, e anche noi siamo l'immagine di Dio. Dirlo o affermarlo non sarebbe né pretesa, né orgoglio. Dio ci ha veramente creato a Sua immagine. Eppure questo non fa di noi Dio Padre. E non diremo mai che siamo Dio Padre. Lo stesso per Gesù Cristo. Quello che Lo vede ha veramente visto Dio Padre, poiché Egli è l'immagine di Dio Padre. Ma non è Dio Padre, ed Egli non ha mai detto che è Dio Padre, poiché sa Sé stesso che non lo è.


Quando gli stregoni si mettono ad alterare il significato, di questo passo di Giovanni 14:7-11, per dire che poiché Gesù ha detto a Filippo che chi Lo vede ha visto il Padre, ciò vuole dire che Gesù è Dio Padre, dimenticano che, in questo stesso passo, nei versetti 10 e 11, Gesù ha precisato che non è Dio Padre, indicando chiaramente che è nel Padre, e che il Padre è in Lui. Se Gesù fosse Dio Padre, Dio Padre non sarebbe in Dio Padre. Dio Padre non può essere in Sé stesso. Dio Padre può essere soltanto in qualcun altro. È lo stesso con Gesù e noi. Gesù è in noi, e noi siamo in Lui. Gesù non è in Sé stesso, e noi non siamo in noi stessi. Il fatto che Gesù sia in noi non fa di noi Gesù.


Ecco come il Signore nella Sua saggezza confonde la sedicente intelligenza di questi serpenti che credono di essere in posizione di contestare con Dio. Il Signore confonde questi stregoni con gli stessi passi che usano come elementi per sostenere la loro follia.


Leggiamo questo passo: Giovanni 14:20 " In quel giorno conoscerete che io sono nel Padre mio, e che voi siete in me ed Io in voi." Se Gesù essendo in Suo Padre è Sé stesso il Padre, significa che essendo in noi, Gesù è noi. E se Gesù essendo in Suo Padre è Sé stesso Suo Padre, significa che noi essendo in Gesù, siamo Gesù. Leggiamo questi altri passi:


Giovanni 17:21 "Affinché siano tutti uno, come tu, o Padre, sei in me e io in te, siano anch'essi uno in noi, affinché il mondo creda che tu mi hai mandato. Giovanni 17:23 "Io sono in loro e tu in me, affinché siano perfetti nell'unità, e affinché il mondo conosca che tu mi hai mandato e li hai amati, come hai amato me." Avete bisogno di altre prove della totale confusione di questi stregoni? Per voi che li seguivate ancora, pentitevi e sfuggite queste vipere!


Differenza tra Gesù Cristo e lucifero


Già tutte le ricerche che abbiamo fatte sono sufficienti per aprirvi totalmente gli occhi sulla menzogna in cui eravate. Ma abbiamo ritenuto importante insistere su questo altro elemento che vi libererà totalmente di questa falsa dottrina, una volta per tutte. Ciò che dovete comprendere, è perché il Figlio ha tanto peso agli occhi del Padre, per essere così amato dal Padre, per avere la gestione totale di tutto ciò che è al Padre, al punto di confondersi anche spesso col Padre, per quelli che non comprendono. Ciò che giustifica la posizione predominante che il Figlio ha presso Dio Padre, Non è tanto perché è Figlio, ma a causa della Sua ubbidienza totale e perfetta al Padre. È ciò che il Padre Sé stesso ci rivela in Ebrei 1 e Filippesi 2.


Ebrei 1:9 "Tu hai amata giustizia, ed hai odiata iniquità; perciò, Iddio, l’Iddio tuo, ti ha unto d’olio di letizia più che i tuoi pari." È perché Gesù ha amato la giustizia, ed odiato l'iniquità che Dio Padre l'ha unto con olio di letizia al di sopra dei Suoi pari.


Filippesi 2:5-11 "Abbiate in voi lo stesso sentimento che già è stato in Cristo Gesú, 6 il quale, essendo in forma di Dio, non considerò qualcosa a cui aggrapparsi tenacemente l'essere uguale a Dio, 7 ma svuotò se stesso, prendendo la forma di servo, divenendo simile agli uomini; 8 e, trovato nell'esteriore simile ad un uomo, abbassò se stesso, divenendo ubbidiente fino alla morte e alla morte di croce. 9 Perciò anche Dio lo ha sovranamente innalzato e gli ha dato un nome che è al di sopra di ogni nome, 10 affinché nel nome di Gesú si pieghi ogni ginocchio delle creature (o cose) celesti, terrestri e sotterranee, 11 e ogni lingua confessi che Gesú Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre."


Questo vuole dire che se Gesù Cristo fosse stato un Figlio ribelle, non avrebbe avuto mai questa posizione che occupa presso il Padre. Non dimenticate che è l'orgoglio che è valso a lucifero la posizione che occupa oggi. Nel suo orgoglio aveva voluto considerare qualcosa a cui aggrapparsi tenacemente l'essere uguale a Dio. Il seguito lo conoscete. Dio l'ha piuttosto umiliato e l'ha abbassato. Mentre Gesù nella Sua umiltà ha scelto di riconoscere al Padre, il posto del solo vero Dio, e non ha considerato qualcosa a cui aggrapparsi tenacemente l'essere uguale a Dio. E per ciò, Dio lo ha sovranamente innalzato e gli ha dato un nome che è al di sopra di ogni nome. Con questa spiegazione, comprendete più facilmente, che il Figlio non è affatto il Padre. È l'ubbidienza totale del Figlio al Padre che ha valso al Figlio il posto di rilievo che occupa agli occhi del Padre.


Seconda cosa importante che dovete comprendere. A detta di Dio Padre Se stesso, Gesù aveva dei pari. È ciò che leggiamo in Ebrei 1:9: "... perciò Dio, il tuo Dio, ti ha unto con olio di letizia al di sopra dei tuoi compagni." È sempre a causa della Sua ubbidienza totale e della Sua sottomissione perfetta a Dio, ed anche del Suo amore per la giustizia, e del Suo odio per l'iniquità, che il Padre L'ha posto al di sopra di tutti i Suoi pari. È così che Gesù Cristo il Figlio di Dio non ha più pari. È adesso al di sopra di tutto e di tutti. La parola di Dio è molto chiara su questo proposito. Dio non ne ha fatto un mistero, secondo lo scherzo degli stregoni, che vogliono combattere la verità pretendendo detenere un mistero che nessun altro ha mai detenuto.


E se è soltanto dal Figlio che dobbiamo passare per arrivare al Padre, "E se in nessun altro vi è la salvezza, poiché non c'è alcun altro nome sotto il cielo che sia dato agli uomini, per mezzo del quale dobbiamo essere salvati", come la Bibbia ce l'apprende in Atti 4:12, è sempre per la stessa ragione. Il Figlio ha conquistato la fiducia del Padre per la Sua ubbidienza totale e la Sua sottomissione perfetta a Dio, e è diventato il solo che poteva salvarci, il solo da cui la salvezza è possibile. Non dimenticate neanche che è volontariamente che Gesú Cristo ha scelto di soffrire e di morire per noi. Non ci era costretto. La Bibbia ci dice in 1Timoteo 2:5-6 che Gesú Cristo si è dato Sé stesso come prezzo di riscatto per noi. "Vi è infatti un solo Dio, ed anche un solo mediatore tra Dio e gli uomini: Cristo Gesú uomo, 6 il quale ha dato se stesso come prezzo di riscatto per tutti...."


E se possiamo lodare e adorare il Figlio, senza per questo provocare la gelosia del Padre, è perché, il Figlio avendo optato per l'ubbidienza totale e la sottomissione perfetta al Padre, il Padre Gli ha sottomesso ogni cosa, e ha dato tutto nelle sue mani. Lodare ed adorare il Figlio significa dunque lodare ed adorare il Padre, e servire il Figlio, equivale a servire il Padre, mentre il Figlio non è il Padre. Dio Padre non sarà mai geloso di vederci lodare ed adorare Suo Figlio. È del resto Egli che l'ha voluto così. Ha scelto di onorare il Figlio, perché il Figlio L'ha anche onorato. 1Samuele 2:30 "... Poiché io onoro quelli che mi onorano ma quelli che mi disprezzano saranno pure disprezzati." Gesú ha scelto di onorare il Padre, ed Egli è stato Sé stesso onorato dal Padre, mentre lucifero ha scelto di disprezzare il Padre, ed egli è stato sé stesso disprezzato dal Padre.

Gesú Cristo è dunque distinto da Dio Padre, come lucifero il diavolo è anche distinto da Dio Padre. Ciò che fa che uno di loro si confonde col Padre quando l'altro è diventato il nemico del Padre, è la posizione che ciascuno di loro aveva scelta. Mentre Gesù aveva scelto l'ubbidienza e la sottomissione, lucifero aveva scelto l'orgoglio e la rivalità. Voleva rivaleggiare con Dio. Non dimenticate che come Gesù, anche lucifero aveva un posto di rilievo agli occhi del Padre e godeva dei privilegi afferenti a ciò. Aveva purtroppo perso questo posto a causa del suo orgoglio. Sappiate dunque che non fossero stati l'orgoglio, la ribellione, l'insubordinazione di satana a Dio, il suo odio della giustizia, ed il suo amore dell'iniquità, lucifero sarebbe sempre al suo posto e godrebbe degli stessi privilegi.


Lucifero godeva dunque, anche lui, del titolo di Dio. Ma come Gesù, aveva al di sopra di lui il solo vero Dio, cioè Dio Padre. Mentre Gesù Cristo Dio aveva scelto di non considerare qualcosa a cui aggrapparsi tenacemente l'essere uguale a Dio, lucifero dio aveva fatto tutto il contrario. Aveva considerato qualcosa a cui aggrapparsi tenacemente l'essere uguale a Dio. Per ciò, Dio Padre gli aveva provato che in realtà non ci sono molti Dei, e che non ce ne sarà mai. Dio Padre l'aveva dunque decaduto, ed egli è diventato un semplice demone che ormai trema davanti a Gesù che fu un tempo uno dei suoi compagni.


Quelli che dicono che se Gesù è diverso da Dio Padre, sarebbe come dire che ci sono molti Dei hanno solo la mente corrotta. In realtà, non è Gesù Cristo solo che godeva del titolo di Dio. Lucifero, anche lui, godeva di questo titolo, come tutti quelli a cui il Padre ha voluto dare questo titolo. Ma tutti quelli che sono Dio o che sono dei dei, o che sono considerati come tali, lo sono per la sola volontà dell'unico vero Dio, Dio Padre. Gli agenti di lucifero devono allora comprendere che anche loro padre il diavolo godeva del titolo di Dio tutto come Gesù. Eppure non ci sono mai stati molti Dei. C'è sempre stato un solo vero Dio, il Dio di tutti, ed il Padre di tutti.


Lucifero aveva perso il suo titolo e la sua gloria all'epoca della sua caduta, a causa del suo orgoglio, della sua ribellione, della sua disobbedienza, e della sua rivalità nei confronti di Dio. Gesù Cristo da parte sua, ha conservato il Suo titolo e la Sua gloria a causa della Sua ubbidienza totale e della Sua sottomissione perfetta a Dio. È per ciò che è il nostro Dio benché avendo Suo Padre. Credo che questa spiegazione vi libererà definitivamente dalla menzogna dei figli del diavolo che sono riusciti ad imbrogliarvi dai loro incantesimi, al punto di farvi credere ad una dottrina abominevole che non ha alcun senso.


Ecco ciò che la Bibbia dice di satana: Isaia 14:10-15 "Tutti prendono la parola per dirti: Anche tu sei diventato debole come noi e sei divenuto simile a noi. 11 Il tuo fasto è precipitato nello Sceol assieme al suono delle tue arpe; sotto di te si stende un letto di vermi e i vermi sono la tua coperta. 12 Come mai sei caduto dal cielo, o Lucifero, figlio dell'aurora? Come mai sei stato gettato a terra, tu che atterravi le nazioni? 13 Tu dicevi in cuor tuo: "Io salirò in cielo, innalzerò il mio trono al di sopra delle stelle di Dio; mi siederò sul monte dell'assemblea, nella parte estrema del nord; 14 salirò sulle parti piú alte delle nubi, sarò simile all'Altissimo". 15 Invece sarai precipitato nello Sceol, nelle profondità della fossa."


Non mi permetto dunque mai beneamati, di insegnarvi ciò che penso. Vi insegno ciò che il Padre di Gesù Cristo che alcuni demoni contestano, mi rivela. E le mie rivelazioni non sono dei misteri che non sono scritti da nessuna parte. Tutte le mie rivelazioni sono conformi alla Santa Bibbia, e possono tutte essere verificate nella Santa Bibbia. Non ho bisogno di fabbricare una nuova bibbia allo scopo di mentire alle persone e giustificare la menzogna. Insegno la dottrina di Cristo fondata sulla Santa Bibbia. Insegno la Sana Dottrina, che il Padre del nostro Signore e Maestro Gesù Cristo approva.


Non falsifico la parola di Dio come lo fanno gli agenti dell'Inferno. È per ciò che non ho bisogno di fare delle acrobazie per convincere i veri Bambini di Dio. Il Padre di Gesù Cristo che i demoni rigettano, fa questo lavoro al posto mio. Non ho avuto bisogno di fare dei patti con lucifero per ottenere il mio ministero di Apostolo, l'ho ottenuto da Gesù Cristo il Figlio unico del solo Dio vivente. E Gesù Cristo il mio Maestro Sé stesso testimonia di me. Non tocca a me raccomandarmi ai Bambini di Dio, il Signore Gesù che mi ha mandato, se ne occupa.


Tutti quelli che firmano dei grandi patti con lucifero per avere un ministero, per essere potenti, per stregare le persone e farle cadere, e per fare finta di cacciare i loro colleghi demoni e dimostrare così la sedicente potenza che affermano di avere, devono comprendere che satana non potrà rivaleggiare in nessun caso con Dio. Il primo ed unico tentativo l'aveva decaduto ed annientato per l'eternità.


Questa differenza che vi ho appena spiegata tra Gesù Cristo e lucifero, è la stessa che esiste tra noi Bambini di Dio ed i bambini di satana. Trattenete molto bene, che la differenza che esiste tra noi Bambini di Dio ed i demoni in carne, è che mentre scegliamo di ubbidire al Padre, essi preferiscono la ribellione. Mentre ci sottomettiamo totalmente e perfettamente a Dio Padre da Gesù il nostro Signore e Redentore, i demoni in carne scelgono l'insubordinazione, la rivalità con Dio, e l'orgoglio, come il loro padre lucifero. È per ciò che mentre dimostriamo dai nostri insegnamenti che la Bibbia è vera, dispiegano tutto il loro zelo per creare delle dottrine che dimostrano che la Bibbia è falsa, e che Dio è bugiardo.


Dunque in realtà, facciamo le opere del nostro Padre Gesù Cristo, quando loro fanno le opere di loro padre il diavolo. Seguiamo la via del nostro Padre Gesù Cristo, quando seguono la via del loro padre il diavolo. Ecco beneamati, la chiave del mistero che l'Eterno il nostro Dio e Padre ci ha appena dato. Questo insegnamento vi libererà totalmente, e una volta per tutte.


Conclusione


Adesso mi sento totalmente liberato di aver messo a vostra disposizione questi insegnamenti che vi libereranno una volta per tutte da tutte le trappole in cui gli agenti dell'Inferno vi avevano prese, e da tutte le trappole che i figli della perdizione vi avevano tese. Il sangue di quelli che malgrado questa grazia di Dio si ostineranno, ricadrà sulla loro propria testa. All'Eterno degli eserciti tutta la gloria nel nome di Gesù Cristo il Figlio unico del Dio vivente! Amen!


In conclusione, amati fratelli in Gesù Cristo e cari amici, trattenete che Gesù Cristo è veramente quello che ci ha detto che è. È l'Agnello di Dio; È il Figlio di Dio; È il primogenito di ogni creatura; È il Santo, il Verace, Colui che ha la chiave di Davide, Colui che apre, e nessuno chiuderà, Colui che chiude, e nessuno aprirà; è il primo e l'ultimo; È l'Amen, il Testimone fedele e verace; È Padre eterno, è il Principio della creazione di Dio. Ma non è Dio Padre, ed Egli non è lo Spirito Santo.


Come l'abbiamo concluso dopo una delle ricerche che abbiamo fatte, Gesù non ha mai, né direttamente, né indirettamente, dichiarato di essere Dio Padre e lo Spirito Santo. Neanche i suoi Apostoli ed i Suoi altri Discepoli non l'hanno mai dichiarato. E curiosamente, anche satana ed i suoi demoni in spirito non hanno mai osato dire che Gesù è Dio Padre o lo Spirito Santo. Al contrario, tutti hanno riconosciuto che Gesù Cristo è il Figlio di Dio, il Figlio del Dio Altissimo. Convenite allora con me che alcuni demoni in carne non possono conoscere Gesù meglio di Gesù Sé Stesso.


Possiamo dunque, beneamati, senza alcun rischio di sbagliarci, concludere che Gesù Cristo, di Sua propria volontà, non è né Dio Padre, né lo Spirito Santo. E Gesù Cristo, secondo la volontà di Suo Padre e del Suo Dio, non è né Dio Padre, né lo Spirito Santo. E Gesù Cristo, anche agli occhi degli Angeli di Dio, non è né Dio Padre, né lo Spirito Santo. Gesù Cristo, alla conoscenza dei Suoi Apostoli e di tutti i Suoi altri Discepoli, non è né Dio Padre, né lo Spirito Santo. E Gesù Cristo, anche agli occhi di satana, non è né Dio Padre, né lo Spirito Santo. E Gesù Cristo, anche alla conoscenza dei demoni in spirito, non è né Dio Padre, né lo Spirito Santo. E Gesù Cristo, secondo la Santa Bibbia, non è né Dio Padre, né lo Spirito Santo. Gesù Cristo può quindi essere Dio Padre e lo Spirito Santo soltanto secondo la volontà di alcuni demoni in carne che pretendono di conoscere Gesù meglio di Gesù Sé Stesso. Occorre bene che mettano il colmo ai loro peccati.

Non imitate dunque quelli che hanno scelto volontariamente l'Inferno. Se tenete alla vostra salvezza, uscite rapidamente da tutte queste sette abominevoli che insegnano che Gesù Cristo è nello stesso tempo Dio Padre, il Figlio, e lo Spirito Santo. Tutte le dimostrazioni vi sono state fatte attraverso questo studio ben elaborato, e tutti gli argomenti di questa dottrina satanica sono stati smontati alla luce della Santa Bibbia. Sfuggite dunque tutti questi demoni che si sforzano di dimostrarvi che Dio è bugiardo e che la Santa Bibbia è falsa. "Guai a chi contende con chi l'ha formato!" Isaia 45:9


Gesù Cristo non è né Dio Padre, né lo Spirito Santo. È semplicemente il Figlio di Dio, ed Egli ha un Padre. Questo fatto è ben accertato nella Bibbia, e ve l'abbiamo dimostrato. Che piaccia o non piaccia ai demoni per cui Dio Padre non esiste, e secondo cui Gesù Cristo è Sé stesso Dio Padre e lo Spirito Santo, finirò questo insegnamento benedicendovi in questi termini: "Grazia, misericordia e pace siano con voi da Dio Padre e dal Signor Gesú Cristo, il Figlio del Padre, in verità e amore." Amen! 2Giovanni 3


Vorrei condividere con voi questo bellissimo cantico che il Signore ci ha ispirati a comporre mentre lavoriamo su questo insegnamento. Troverete la sua melodia sul nostro sito internet.


SE SAPESSI CHI ERO


Se sapessi veramente chi ero

Agli occhi di Dio, il mio Creatore,

Vivrei nella gioia tutti i giorni della mia vita.


1. Muoio come un uomo,

Ed io cado come ogni

altro principe, Eppure

Dio dice: "Sei un dio,

Sei figlio dell'Altissimo, creato a Sua immagine."

Se sapessi veramente chi ero

Dinanzi al mio Creatore!


2. Sono spesso turbato,

Mi sentendo abbandonato,

Vivendo nell'angoscia. Eppure,

Dio mi dice: "Sta' in pace!"

Mi dà la Sua pace, una pace senza misura,

Ed Egli mi preparo al Cielo

Un posto vicino a Lui.

3. Sono spesso inquieto,

sprofondando nei mormorii,

In preda ai dubbi. Eppure,

Dio dice: "Sono il Tuo Dio,

Getta su di Me ogni tua sollecitudine,

La mia pace custodirà il tuo cuore

E la tua mente in Cristo Gesú.


4. Sono spesso pauroso,

Tremando dinanzi a satana

E tutti i suoi demoni. Eppure,

Dio mi dà' il potere

Di camminare vittorioso, su tutta la potenza

Del nemico, e su

I serpenti e gli scorpioni.


5. Allora, se oggi,

Dico io sono un dio,

Non starò per niente bestemmiando.

Sono l'immagine di Dio,

Gesù Cristo vive in me,

Ed Egli mi farà sedersi

Con Lui sul Suo trono.


Amen! Amen! So adesso

Chi sono dinanzi al mio Creatore.

Ho prezzo ai Suoi occhi, sono il Suo amato.


Amen! Amen! Amen! Regnerò

Con Gesù Cristo il mio Salvatore.

Per tutta l'eternità, contemplando la Sua bellezza.


L'Eterno vi benedica!






Sentitevi liberi di fare delle copie di questo articolo e di distribuirle.
Per scaricarlo, cliccate QUI o sull'icona Pdf di fronte.
PDF

Per leggere i file PDF dovete utilizzare Acrobat Reader.
Se non l'avete già potete scaricarlo gratuitamente
 Get Adobe Reader