IL CASO GBAGBO: TRAMPOLINO DEL RISVEGLIO AFRICANO N°2


Questo colloquio è la 2a parte di una serie di otto. Si prega di leggere le altre 7 parti.


Nyang Bensouda: Sono seria. Noi abbiamo frugato ovunque, dico bene ovunque, e non si è trovato nulla. Si contava persino di accussarlo di proprietà illecite, in assenza di crimini contro l'umanità, ma questo tizio non aveva dirottato nulla, con nostra grande sorpresa, e naturalmente con la nostra più grande confusione. Quando non abbiamo trovato nessuno dei suoi conti bancari nei paesi occidentali, abbiamo creduto che è in Africa che lui li aveva nascosti. E con il potere che noi avevamo di frugare ovunque senza alcuna barriera, abbiamo frugato in Africa, e di nuovo quest'uomo non aveva niente.


Youssouf: Questo non è possibile!


Nyang Bensouda: Una delle nostre armi preferite d’intimidazione di massa è stata inutile.


Youssouf: La quale?


Nyang Bensouda: Il congelamento dei beni. Noi contiamo a congelare i suoi beni, ma questo signore non aveva alcun avere a congelare. Non ho bisogno di dire altro per convincerti. C’eravamo tutti vergognati. I miei maestri si sono tutti chiesti se stessero sognando. Tu capisci ora perché ti ho detto che quest'uomo era certamente il solo Presidente idiota di tutti i Presidenti d’Africa.


Youssouf: Questo che mi hai appena spiegato qui, non mi dà il coraggio di testimoniare contro quest'uomo. Capisco forse perché le persone non arrivano a testimoniare contro di lui.


Nyang Bensouda: Noooon Youssouf, non lasciarti scoraggiare. Altrimenti sarò scopato. Tutta la mia carriera, tutto il mio onore, almeno quello che rimane, dipende dalla condanna di Gbagbo. Ho interesse a vederlo condannato. Non ho già scelta. Mi sono talmente investito in questo affare.


Youssouf: Io vedo!


Nyang Bensouda: Lasciami darti un esempio: I miei maestri hanno messo parecchi milioni di dollari a disposizione per riuscire in questa missione. Ma non ci pervengo. Eppure ho provato tutto. Cos’è che non ho fatto? Ho provato di tutto, ho tentato di tutto. Non puoi immaginare quanti milioni ho speso per corrompere testimoni e potenziali testimoni. Ho perfino provato a servirmi delle fosse comuni che i miei maestri avevano preparato durante la guerra, ma questo non ha dato niente. Sai che durante la guerra, le forze francesi e quelle dell'ONU avevano massacrato migliaia di giovani patrioti ivoriani. Per nascondere i corpi in modo che nessuno potesse mai conoscere il numero di civili che essi avevano uccisi, avevano fatto delle fosse comuni in cui ammucchiavano i corpi. Non si ritroverà mai alcune di queste fosse comuni. E come non c'era nessuno del campo di Gbagbo per testimoniare di questo, tutto è restato top secret.


Youssouf: Capisco allora perché l’ONUCI ha distrutto tutti i suoi documenti legati alla gestione della crisi ivoriana, mentre che la corte di cui tu sei procuratore ha bisogno di tutti questi documenti per condurre le sue indagini.


Nyang Bensouda: Ritornerò sul punto riguardante l'ONUCI fra poco.


Youssouf: D’accordo signora. Tu stavi spiegando i grandi sforzi che hai fornito.


Nyang Bensouda: Sì; Ho tentato tante cose. Sono andato fino a trafficare alcune delle immagini false delle uccisioni perpetrate in Kenya per sopraffare Gbagbo, ma le persone hanno riuscito a contrastare quel piano.


Youssouf: Sì, ne avevo sentito parlare. Ho anche appreso il caso di queste persone supposte a uccidere Abobo dal Presidente Gbagbo, ma che si sono trovati alla corte stando a testimoniare. Quando tu mi dici che hai fatto tutto, ti capisco. È veramente un danno! Spero solamente che i tuoi maestri non ti chiedano di rimborsare i 2 milioni di dollari che ho appreso che essi ti avevano dato.


Nyang Bensouda: Tu sei stato al corrente di questo?


Youssouf: Siiiii! Non sono d’altronde il solo ad averlo appreso. Le informazioni si erano diffuse ovunque. Si ha appreso che avevi avuto 2 milioni di dollari per far condannare il Presidente Gbagbo, che corrispondeva al doppio di quello che il tuo predecessore luis moreno ocampo aveva ricevuto.


Nyang Bensouda: (Sospiro)


Youssouf: Hai parlato poco fa di uno dei vostri, questo membro degli illuminati che vi ha tradito, non è colui che ha anche rivelato le informazioni riguardando questi 2 milioni di dollari che i tuoi maestri ti hanno dato per far condannare il Presidente Gbagbo?


Nyang Bensouda: È ben lui. Non so perché ha scelto di farci questo.


Youssouf: Certamente non aveva ancora crocifisso la sua coscienza come voi, e ha avuto qualche rimorso. Questo non è da tutto il mondo che può fare fare il tipo di male che voi state facendo, e riuscire a dormire. I tuoi maestri e tu siete veramente degli esseri speciali. È chiaro che non siete esseri umani normali. Un essere umano normale non può in alcun caso essere così fondamentalmente malvagio e crudele. Uccidere milioni di persone come voi lo fate attraverso il mondo, senza perdere il sonno, è estremamente difficile da capire.


Nyang Bensouda: Tu hai forse ragione, Youssouf. Ma per quanto al denaro che ho ricevuto, i miei maestri non mi chiederanno di rimborsare. Ben al contrario, ho chiesto loro di aumentare questo importo. Era molto insufficiente, perché abbiamo sottovalutato questo caso. Nessuno si aspettava un caso così difficile e così complicato.


Youssouf: Se tutti i tuoi testimoni che hanno finalmente testimoniato non hanno potuto fare nulla, ed essi erano circa 140, cosa posso fare io, Youssouf, un semplice animale, posso far bene?


Nyang Bensouda: So perché io conto su di te. E so perché tu solo puoi ancora farmi vincere questo processo contro quest'uomo. Là dove è attualmente, è quasi convinto che ho fallito. Non può immaginarsi la carta jolly che ho riservato.


Youssouf: Spiegami.


Nyang Bensouda: Sai che come capi di accusa contro di lui c'erano crimini di guerra, crimini contro l'umanità, omicidi, stupri e altri.


Youssouf: Ma tutto ciò non ha dato nulla. Come pensi che con me tu avrai successo?


Nyang Bensouda: Con te, è decisamente dei nuovi capi d’accusa che saranno formulate.


Youssouf: Ah buono!


Nyang Bensouda: Sì. Io vado a riqualificare le accuse contro di Lui. Parlerò ora di crimini contro gli animali a ragione di omicidi, stupri e altre violenze sessuali. Io ci aggiungerò gli atti di persecuzione e altri atti di tortura.


Youssouf: Cosa vado a dire concretamente?


Nyang Bensouda: Tu dirai che Gbagbo vi ha uccisi, vi ha violentati e vi ha torturati. Non si deve più cadere nel genere di trappola nella quale siamo finiti con i primi testimoni.


Youssouf: Che cosa hanno fatto i primi testimoni?


Nyang Bensouda: Essi hanno tutti detto che Gbagbo aveva mandato i suoi soldati per ucciderli. E i pochi alti ufficiali dell'esercito che noi abbiamo potuto corrompere per testimoniare contro di lui, non sono riusciti a stabilire la sua colpevolezza.


Youssouf: Che cosa ha dunque invece di fare questa volta qui?


Nyang Bensouda: Questa volta qui, non dirai più che Gbagbo aveva mandato i suoi soldati per uccidervi. Dirai piuttosto che è Gbagbo stesso che veniva a uccidervi e violentarvi. Là noi non corriamo più il rischio di trovarci di essere confrontati ai soldati che diranno che Gbagbo non li aveva mandati.


Youssouf: Se la sua difesa mi chiede perché io sono allora vivo se il Presidente Gbagbo era venuto ad ucciderci, che cosa dirò?


Nyang Bensouda: Dirai che sei solo stato molto fortunato, e anche molto furbo. Dirai che non appena lui ha iniziato a uccidere i primi animali, tu eri sdraiato come se fossi morto, e lui ha ucciso tutti gli altri.


Youssouf: E per ciò che è di stupro, cosa dirò?


Nyang Bensouda: Dirai che lui vi aveva violentati tutti, tutti senza eccezione, e a parecchie riprese. E che quando vi violentava, lui non teneva conto di chi era maschio e chi era femmina.


Youssouf: Se dico che anch'io sono stata violentato, si potrà chiedermi delle prove fisiche, e lì io sarò bloccato.


Nyang Bensouda: In questo caso bisogna piuttosto dire che tutti gli animali sono stati stuprati tranne te, e che sei fuggito solo perché il primo giorno dove è venuto a violentarvi tu eri seriamente malato, e che gli altri giorni, come tu conoscevi già la sua auto, quando tu lo vedevi venire, ti nascondevi. La sua difesa potrà chiederti se lui veniva da solo o con i suoi ufficiali. Lì dirai che pensi che Gbagbo sapeva forse che i suoi principali Generali erano dei felloni, perché lui non veniva con nessuno di loro. Ogni volta che lui doveva fare questo genere di operazioni oscure, lui veniva solamente con il suo vero Generale Dogbo. Tu aggiungerai che tu capisci bene ora perché è stato solo con questo Generale che lui veniva. È colui che gli è rimasto totalmente leale e fedele fino in fondo.


Youssouf: È una buona idea La difesa del Presidente Gbagbo troverà inutile chiamare il Generale Dogbo Blé alla corte, poiché la sua testimonianza sarà screditata. Ciascuno dirà che non può dire nulla di brutto contro il Presidente.


Nyang Bensouda: Se la sua difesa ti blocca con delle domande imbarazzanti, di 'loro che tu hai già dimenticato tutto. Dì loro che gli animali dimenticano più velocemente degli uomini. E se essi esigono delle prove di ciò, io vado a corrompere qualche medico veterinario per confermarlo. L’ONU ha messo un budget a mia disposizione per questo.


Youssouf: E se mi si chiede delle fosse comuni dove il Presidente Gbagbo ci ha seppellito, che cosa dico?


Nyang Bensouda: Dirai che quando lui vi uccideva non vi seppelliva. Dirai che lui inviava i vostri corpi al Sud, e che è per questo che c'era sempre della carne nel Sud durante tutta la crisi post-elettorale, malgrado la guerra e gli embarghi.


Youssouf: Tu mi convinci sempre di più, signora. Credo che possiamo cavarcela. Io accetto di testimoniare.


Nyang Bensouda: Ahaaaa Youssouf, tu non puoi immaginare quanto io sono sollevata. Tu sei la sola speranza che ho adesso.


Youssouf: Farò del mio meglio.


Nyang Bensouda: Questo caso Gbagbo ci ha fatto talmente male. Tutti i miei maestri sono nella confusione totale. Non posso dirti quante riunioni essi hanno tenuto, e continuano da tenere con rapporto questo caso. Tutti hanno perduto il sonno nel corso di questo processo, e ciascuno di loro riampiange ora il fatto di aver tradotto Gbagbo alla Haye. Questo è stato un errore monumentale.


Youssouf: Ma tu esageri, signora.


Nyang Bensouda: Niente affatto. Tu sai che questo caso ha messo a nudo tutto ciò che era segreto? Non so se c'è uno solo dei nostri segreti che non è stato rivelato. Vuoi che ti do qualche esempi?


Youssouf: Perché no.


Nyang Bensouda: Fino a che questo processo contro Gbagbo inizia, parecchie persone erano convinte che è Dramane Ouattara che aveva vinto le elezioni del 2010. Il processo Gbagbo ha rivelato al mondo intero che Dramane Ouattara non aveva nemmeno varcato la soglia del primo turno. Ognuno sa adesso che è Gbagbo e Bédié che erano qualificati per il secondo turno. In realtà, Dramane Ouattara non aveva nemmeno avuto la metà delle voci di Bédié. Ed è stesso dato il primo turno che Gbagbo aveva conseguito le elezioni. Ma il nostro software di gestione di queste elezioni aveva manipolato i risultati. Tutto era programmato in modo che c’era assolutamente un secondo turno.


Youssouf: Questo lo sapevo.


Nyang Bensouda: Questo non è tutto. Le persone sanno adesso che stesso i 16 000 morti che si annuncia sono le cifre che i miei maestri hanno scelto di far circolare. In realtà la crisi ivoriana ha fatto più di 100 000 morti, a le persone lo sanno d’ora in avanti. Tutti coloro che seguono solo i nostri media credevano veramente che la crisi post-elettorale del 2010 in Costa d'Avorio era dovuta al fatto che il Presidente Gbagbo aveva perso le elezioni e aveva rifiutato di cedere il suo posto a Dramane Ouattara. Adesso ognuno sapeva che si trattava piuttosto di un colpo di stato francese contro il Presidente Gbagbo, un colpo di stato che aveva iniziato da quando Gbagbo aveva vinto le elezioni del 2000 con sorpresa generale. C'è anche un brillante giornalista d’investigazione che ha fatto un libro a questo argomento.


Youssouf: Tu parli di Charles Onana?


Nyang Bensouda: Mi rendo conto che tu sei ben informato, Youssouf.


Youssouf: Questo caso Gbagbo interessa a tutto il mondo, signora, compresi gli animali e gli alberi.


Nyang Bensouda: Charles Onana ha fatto un eccellente libro intitolato "Costa d'Avorio: Il Colpo di Stato", un libro prefazionato dal Presidente Thabo Mbeki, l'ex Presidente Sud-Africano. Questo libro conferma molto bene quello che ti ho appena detto. Sai che non spetta a me pubblicizzare un libro che mette i miei maestri e me a nudo. Se avevo il potere di vietare questo libro, lo avrei fatto senza esitazione.


Il nostro complotto è talmente stato messo a nudo che persino alcuni dei nemici di Gbagbo sono diventati suoi amici. Tutti hanno ora capito che lui è totalmente innocente. Ognuno sa ora che il vero Presidente eletto della Costa d'Avorio è in prigione alla Haye, e che la vera first lady della Costa d'Avorio è in prigione in Costa d'Avorio. Questo non aggiusta i miei maestri. Sentirsi così svelati, è certamente l'ultima delle cose che essi avrebbero augurato.


Youssouf: Signora, bisogna confessare che questo caso Gbagbo vi fa tanto male.


Nyang Bensouda: Non te lo faccio dire, Youssouf. Tanto male. Lasciami darti qualche altro esempio:


C'è il rifiuto di contare i voti. Ecco una vera negazione di democrazia. I miei maestri che amano ben farsi passare per dei donatori di lezioni di democrazia non si rimetteranno mai. Il mondo intero sa ora che la parola democrazia è solo una parola priva di senso. Quale vero democratico può opporsi al riconteggio dei voti quando un'elezione è contestata? Il riconteggio dei voti è d’altronde il modo più democratico per affrontare questo genere di problema. È diventato impossibile ai miei maestri di tenersi davanti agli Africani e parlare di democrazia senza aver vergogna. È a contro cuore che essi utilizzano questa parola adesso.


C'è anche la chiusura delle banche francesi durante questa crisi post-elettorale come mezzo di ricatto a Gbagbo. Ogni Africano che gode di tutti i suoi sensi non potrà mai più mettere il suo denaro in una banca francese, poiché sa d’ora in avanti che per niente la Francia può ordinare alle sue banche in un paese africano di chiudere le loro porte e bloccare il denaro di tutti i loro clienti africani per un periodo indeterminato, senza temere né inseguimento legale, né risarcimenti o altre compensazioni a versare loro.


C'è anche il luogo scelto dai miei maestri per proclamare i risultati di queste elezioni del 2010. In nessun paese al mondo si è visto una cosa simile. È un altro fatto inedito. I risultati delle elezioni presidenziali di un paese che si danno nella sede generale del candidato dell'opposizione, ciò non è mai accaduto da quando il mondo esiste, e sono certo che questo non accadrà mai più. Perché? Perché la vergogna che i miei maestri stanno provando ancora ora essi non cadranno più nella trappola di diffondere la loro grande idiozia agli occhi del mondo intero in questo modo. Questo caso era troppo flagrante.


Che Dio vi benedica!





Tweet

Sentitevi liberi di fare delle copie di questo articolo e di distribuirle.
Per scaricarlo, cliccate QUI o sull'icona Pdf di fronte.
PDF

Per leggere i file PDF dovete utilizzare Acrobat Reader.
Se non l'avete già potete scaricarlo gratuitamente
 Get Adobe Reader